ALLARME RADON SULLA VALLE SABBIA: CONCENTRAZIONI ELEVATE IN MOLTI EDIFICI

La Valle Sabbia (anche Valsabbia, Val Sabbia o Val di Sabbio) è una valle prealpina situata nella parte orientale della provincia di Brescia e una popolazione di circa 66.000 abitanti.

Il radon è un gas nobile radioattivo naturalmente presente nel suolo, penetra negli edifici e mette a rischio la salute delle persone

Si chiama radon ed è un gas che si genera dal decadimento dell’uranio, sostanza radioattiva e cancerogena ed è presente in alte concentrazioni nel territorio bresciano, in particolare in Vallesabbia.
Il radon è un gas nobile radioattivo naturalmente presente nel suolo, dal quale si diffonde con relativa facilità mescolandosi con altri gas presenti in atmosfera. Il radon è classificato come uno dei 75 cancerogeni certi per l’uomo dalla Organizzazione Mondiale della Sanità.
Le ripercussioni sulla salute dell’uomo diventano misurabili se la concentrazione supera la soglia dei 200 bq/mq. Un Becquerel corrisponde alla trasformazione di un nucleo atomico al secondo.
Secondo quanto riferisce Il Giornale di Brescia, che si è basato sui dati del Sinrad, Sistema informativo nazionale sulla radioattività, la sostanza sarebbe presente in maggiori concentrazioni a Sabbio Chiese, dove sarebbe rilevata una concentrazione pari a oltre 200 bequerel per metro cubo, 233 bq/m3. A seguire c’è Odolo, con 183 bq/m3, Caino e Vallio Terme con 171 bq/mq e Agnosine con 158 bq/mq.
Valori inferiori ai 150 bq/mq per gli altri comuni valsabbini e nessun comune del bresciano che si attesti sotto la soglia dei 50 bq/mq. All’aperto la concentrazione non risulta allarmante, mentre lo è al chiuso, dove si accumula in particolare nei luoghi non areati.

Il suolo è la principale sorgente del radon che arriva in casa. I materiali edili che derivano da rocce vulcaniche (come il tufo), estratti da cave o derivanti da lavorazioni dei terreni, sono ulteriori sorgenti di radon. Essendo un gas, il radon può spostarsi e sfuggire dalle porosità del terreno disperdendosi nell’aria o nell’acqua. Grazie alla forte dispersione di questo gas in atmosfera, all’aperto la concentrazione di radon non raggiunge mai livelli elevati ma, nei luoghi chiusi (case, uffici, scuole) può arrivare a valori che comportano un rischio rilevante per la salute dell’uomo.
Arpa ha monitorato i valori di radon nelle abitazioni a piano terra: nel 20% delle case i livelli di radon sono superiori a 200 bq/mq.
Oltre alla Vallesabbia, sono presenti concentrazioni del gas radioattivo anche  a Temù e Vione, in Valcamonica, poco rilevante, invece, la sua presenza nelle zone di pianura.

Tratto dal Quibrescia.it

Puoi contattare un tecnico specializzato: la legge ha stabilito che possono agire i geometri architetti e ingegneri iscritti all’albo che siano in possesso di un apposito attestato di qualifica conseguito dopo la partecipazione ad un corso universitario dedicato di 60 ore. (Chiedi sempre che il tecnico esibisca il suo attestato, per evitare eventuali truffe). Per contattarne uno clicca qui

Per informazioni su come diventare un esperto in interventi di risanamento gas radon scrivi a: info@tecnicieprofessione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *