IL GAS RADON E’ UN ANCORA SCONOSCIUTO MA PERICOLOSO IN CASA

Potresti non saperlo, ma ovunque tu sia, probabilmente respiri radon, perché questo gas, paragonato a gas rari, è onnipresente sulla superficie della terra. Inodore, incolore e insapore, quindi perfettamente non rilevabile senza un dispositivo di misurazione, questo gas fuoriesce naturalmente dalla crosta terrestre per diffondersi nel terreno e per espirazione del terreno, entrare nell’aria interna dei nostri edifici.

La particolarità intrinseca di questo gas naturale, che ne rende anche la sua importanza per la salute, è la sua radioattività. Infatti, questo gas si forma nella catena di decadimento naturale degli elementi radioattivi contenuti nel suolo. Risultante dal decadimento del radio, a sua volta derivato dalla catena dell’uranio, il radon a sua volta si rompe rilasciando altre sostanze radioattive come polonio, bismuto e piombo. E poiché l’uranio e il radio sono presenti nella crosta terrestre sin dall’origine della formazione del nostro caro pianeta blu, e i cui isotopi hanno un’emivita di circa 4,5 miliardi di anni, è inutile dire che la produzione naturale di radon ha ancora un futuro luminoso davanti a sé.
All’aria aperta, l’emanazione del radon rimane senza gravi conseguenze per la salute poiché viene diluito nelle masse d’aria non appena fuoriesce dalla crosta terrestre. Tuttavia, nelle case si gioca uno scenario diverso. Il gas, invece di dissolversi nell’aria ambiente, viene immagazzinato nei materiali cavi o porosi della costruzione o, può essere risucchiato da una depressione interna, nelle parti delle nostre case che sono meno ventilate, e sarà in grado di concentrarsi nel tempo. Ad esempio, l’emanazione media di radon naturale varia da 50 Bq/m³ (Becquerel per metro cubo) a 150 Bq/m³ a seconda della natura degli scantinati, mentre in una casa o in qualsiasi altra stanza, è possibile misurare diverse centinaia o addirittura diverse migliaia di becquerel per metro cubo!

Qual è l’impatto del radon sulla salute?

Secondo l’EPA (United States Environmental Protection Agency), è la seconda causa più comune di cancro ai polmoni dopo il fumo. I primi studi che sono stati in grado di dimostrare in modo significativo il legame tra l’esposizione prolungata di un individuo al radon e il cancro ai polmoni sono stati condotti sui minatori, una popolazione particolarmente colpita da questo gas lavorando in scantinati geologici. Tuttavia, da quel momento sono stati condotti altri studi e hanno indiscutibilmente confermato la relazione tra l’esposizione al radon e l’insorgenza di tumori polmonari. Ecco la conclusione di uno degli ultimi studi europei condotti sotto la direzione della professoressa Sarah DARBY sul tema del radon: L’analisi comparativa di 11 studi europei mostra una relazione lineare senza una soglia minima tra esposizione ed effetto, e rimane significativa anche a concentrazioni inferiori ai livelli per i quali si raccomanda attualmente di agire. Mostra anche che il radon accumulato nelle case causa il 9% delle morti per cancro ai polmoni in Europa e che questo gas aumenta notevolmente gli effetti negativi del tabacco poiché a parità di esposizione il rischio di avere il cancro ai polmoni è 25 volte superiore per un fumatore rispetto a un non fumatore. Va notato che il radon da solo rimane un rischio importante nell’aria interna poiché rimane, a livello globale, la seconda causa di cancro ai polmoni, secondo l’OMS.
Il radon ha una durata relativamente breve di permanenza nei polmoni (3,8 giorni per la sua emivita o tempo di decadimento della metà degli atomi). Tuttavia, i prodotti della progenie del radon e in particolare 3 poloni 218, 214, 210, molto reattivi, sono fissati per attrazione elettrostatica su particelle fini sospese nell’aria (particelle di cottura, polvere, fibre, volute di tabacco e fumo …). Queste particelle vengono inalate e depositate nei nostri polmoni. I prodotti di parentela poi decadono emettendo particelle α. Il trasferimento di energia da questa radiazione ionizzante (che trasforma atomi o molecole) ai tessuti è responsabile degli effetti biologici che colpiscono le cellule dei tessuti esposti, in modo che i processi biologici possano essere influenzati a livello di cellule polmonari e generare un potenziale rischio di cancro ai polmoni.

Radon nelle nostre case

Il potenziale problema di salute pubblica posto dal radon è legato all’esposizione domestica. Il processo noto, quindi, è che il radon che fuoriesce dalla crosta terrestre si diffonde attraverso il terreno per poi concentrarsi nell’aria interna delle nostre case. La concentrazione viene generalmente effettuata in ambiente sotterraneo a diretto contatto con il sottosuolo geologico: in cantine, scantinati, garage sotterranei o crawl space con poca o nessuna ventilazione e anche nel mezzo del contatto diretto con il suolo naturale: sulle lastre di terreno su terreno solido. Poiché nessuna lastra di calcestruzzo è attualmente a tenuta di gas, il radon-222 alla fine attraversa l’interfaccia suolo/edificio attraverso porosità naturali, microfessure e crepe presenti nel calcestruzzo, o attraverso fori e spazi vuoti forniti (o aggiunti) per il passaggio di tutte le reti (acqua potabile, elettricità, gas, acque reflue, telecomunicazioni, poi canadese, geotermico, …) poi arriva all’interno dei nostri habitat.

Per contattare un “esperto in interventi di risanamento gas radon” clicca qui (sono suddivisi per regione)

Per le informazioni sul corso nazionale scrivete a: info@tecnicieprofessione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.