IL GAS RADON NELLE SCUOLE

Esposizione al radon nelle scuole pubbliche: i tuoi figli sono in pericolo? Il radon è invisibile, ma il suo impatto sui bambini può essere incredibilmente pericoloso. Scopri la presenza del radon nelle scuole pubbliche e come proteggere i tuoi figli.

Il gas radon nelle scuole

Il radon è un gas radioattivo incolore e inodore che si trova naturalmente nell’ambiente. Si trova un po’ ovunque e l’Italia è tra i Paesi al mondo più esposto, ma alcune Regioni hanno più problemi di altre. il nuovo decreto legislativo 101/2020, incoraggia i proprietari di case a testare le loro case per il radon e ad apportare le modifiche necessarie se vengono trovati livelli di gas superiori al normale. 

Nelle scuole, essendo locali destinati al pubblico e dove gli studenti e il personale trascorrono a scuola almeno lo stesso tempo che trascorrono a casa è obbligatorio che il Dirigente scolastico provveda a monitorare il gas e laddove le concentrazioni siano superiori a 300 Bq/m3 procedere attraverso un tecnico esperto in interventi di rasamento da gas radon (ingegnere, geometra, architetto iscritto all’Albo in possesso di un attestato che dimostri di aver seguito un corso di formazione specifico di 60 ore) a rimuovere attraverso delle opere edili il pericolo.  

I PERICOLI DEL RADON

Il radon ha origine in depositi granitici situati in profondità nel sottosuolo. Il gas può penetrare negli edifici attraverso fessure nelle fondamenta, aperture attorno agli scarichi o sotto le lastre del seminterrato. 

Secondo l’ Environmental Protection Agency , il radon è uno dei problemi di salute più gravi che affliggono oggi la nostra popolazione. Sebbene questo gas non comporti rischi immediati per la salute come il monossido di carbonio, nel tempo, l’esposizione al radon può aumentare significativamente il rischio di cancro ai polmoni. In effetti, l’esposizione al radon è la seconda causa di cancro ai polmoni in questo paese, subito dopo il fumo di sigaretta. Il gas radon decade nel tempo, evolvendosi in particelle radioattive che possono entrare nel tessuto polmonare e causare danni. Nel tempo, questo danno può portare ad alcuni tipi di cancro ai polmoni. L’EPA cita tre fattori che determinano il rischio di cancro ai polmoni da esposizione al radon:

  • Il livello di radon a cui sei esposto
  • La durata della tua esposizione
  • Le tue abitudini al fumo oltre alla tua esposizione al radon

Poiché il radon non ha odore o sapore, non c’è modo di rilevarne la presenza in un edificio senza testare il gas. Il processo di test è relativamente semplice e poco costoso e l’EPA raccomanda a tutte le scuole di condurre test sul radon per mantenere gli ambienti sicuri per i bambini e il personale che trascorrono le giornate negli edifici. L’entrata in vigore in Italia del decreto Legislativo 101/2020 impone l’obbligo della rilevazione delle concentrazioni, che per garantire la sicurezza non devono mai superare i 300 Bq/m3.

Il protocollo per il test include i seguenti passaggi:

  • Test iniziali a breve termine per determinare i livelli attuali di radon all’interno di ogni classe della scuola
  • Test di follow-up a breve e lungo termine in aule in cui i livelli erano insolitamente alti per monitorare i miglioramenti e le medie annuali dei livelli di radon in quelle aree
  • Azione per ridurre i livelli di radon nelle aree in cui le letture erano superiori a 300 Bq/m3

La buona notizia è che, oltre a test semplici ed economici, le correzioni per livelli elevati di radon sono anche relativamente semplici, poco costose ed efficaci. Sfortunatamente, non tutte le scuole stanno prendendo sul serio il rischio del radon come dovrebbero, e molte non hanno condotto i test raccomandati o dato seguito ai risultati negativi dei test.

E’ opportuno, che i genitori, per tutelare i propri figli, si accertino delle avvenute rilevazioni eseguite nei locali della scuola.

SCARICA LA GUIDA: UNA SCUOLA SENZA RADON

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *