IL GAS RADON NEGLI EDIFICI E’ UN PERICOLO NASCOSTO

Cos’è il radon?

Il radon è un gas radioattivo che non ha odore, colore o sapore. Il radon è prodotto dal decadimento radioattivo naturale dell’uranio, che si trova in tutte le rocce e i terreni. Il radon può anche essere trovato in acqua.

Il radon fuoriesce dal suolo nell’aria, dove decade e produce ulteriori particelle radioattive. Mentre respiriamo, queste particelle si depositano sulle cellule che rivestono le vie aeree, dove possono danneggiare il DNA e potenzialmente causare il cancro ai polmoni.

All’aperto, il radon si diluisce rapidamente a concentrazioni molto basse e generalmente non è un problema. Il livello medio di radon esterno1 varia da 5 Bq/m3 a 15 Bq/m3. Tuttavia, le concentrazioni di radon sono più elevate all’interno e in aree con ventilazione minima, con livelli più alti trovati in luoghi come miniere, grotte e impianti di trattamento delle acque. In edifici come case, scuole, uffici, i livelli di radon possono variare sostanzialmente da 10 Bq/m3 a più di 10 000 Bq/m3. Date le proprietà del radon, gli occupanti di tali edifici potrebbero inconsapevolmente vivere o lavorare in livelli di radon molto elevati.

Effetti del radon sulla salute

Il radon è una delle principali cause di cancro ai polmoni. Si stima che il radon causi tra il 3% e il 14% di tutti i tumori polmonari in un paese, a seconda del livello medio nazionale di radon e della prevalenza del fumo.

Un aumento del tasso di cancro ai polmoni è stato osservato per la prima volta nei minatori di uranio esposti a concentrazioni molto elevate di radon. Inoltre, studi in Europa, Nord America e Cina hanno confermato che anche basse concentrazioni di radon – come quelle che si trovano comunemente in contesti residenziali – pongono anche rischi per la salute e contribuiscono all’insorgenza di tumori polmonari in tutto il mondo.

Il rischio di cancro ai polmoni aumenta di circa il 16% per 100 Bq / mdi aumento della concentrazione media di radon a lungo termine. Si presume che la relazione dose-risposta sia lineare, cioè il rischio di cancro ai polmoni aumenta proporzionalmente con l’aumento dell’esposizione al radon.

Il radon ha molte più probabilità di causare il cancro ai polmoni nelle persone che fumano. In effetti, si stima che i fumatori siano 25 volte più a rischio di radon rispetto ai non fumatori. Nessun altro rischio di cancro o altri effetti sulla salute sono stati stabiliti fino ad oggi, anche se il radon inalato può fornire radiazioni ad altri organi, ma ad un livello molto più basso rispetto ai polmoni.

Radon negli edifici

Per la maggior parte delle persone, la maggiore esposizione al radon si verifica in casa dove le persone trascorrono gran parte del loro tempo, anche se i luoghi di lavoro al chiuso possono anche essere una fonte di esposizione. La concentrazione di radon negli edifici dipende da:

  • la geologia locale, ad esempio il contenuto di uranio e la permeabilità delle rocce e dei suoli sottostanti;
  • i percorsi disponibili per il passaggio del radon dal terreno all’edificio;
  • l’espirazione di radon da materiali da costruzione; e
  • il tasso di scambio tra aria interna ed esterna, che dipende dalla costruzione dell’edificio, dalle abitudini di ventilazione degli occupanti e dalla tenuta all’aria dell’edificio.

Il radon entra negli edifici attraverso crepe nei pavimenti o nelle giunzioni pavimento-parete, spazi vuoti intorno a tubi o cavi, piccoli pori in pareti a blocchi cavi, pareti di cavità o pozzetti o scarichi. I livelli di radon sono solitamente più alti in scantinati, cantine e spazi abitativi a contatto con il terreno. Tuttavia, una notevole concentrazione di radon si trova anche al di sopra del piano terra.

Le concentrazioni di radon variano considerevolmente tra gli edifici adiacenti, così come all’interno di un edificio di giorno in giorno e di ora in ora. A causa di queste fluttuazioni, è preferibile stimare la concentrazione media annuale di radon nell’aria interna mediante misurazioni per almeno 3 mesi. I livelli di radon residenziale possono essere misurati in modo economico e semplice per mezzo di piccoli rilevatori passivi. Le misurazioni devono essere basate su protocolli nazionali per garantire la coerenza e l’affidabilità del processo decisionale. I test del radon a breve termine, eseguiti in conformità con i protocolli nazionali, possono essere preziosi quando si prendono decisioni in situazioni sensibili al tempo, come le vendite a domicilio o per testare l’efficacia del lavoro di mitigazione del radon.

A chi rivolgersi

In Italia la normativa riguardo il risanamento negli edifici per il gas Radon prevede che gli addetti ai lavori sono i geometri, architetti e ingegneri iscritti all’Albo professionale, che abbiano conseguito un attestato rilasciato a seguito di un corso di formazione di 60 ore specifico, pertanto è necessario nell’affidare un incarico accertarsi dell’idonea preparazione conseguita. Gli specialisti sono qualificati come “Esperti in interventi di risanamento gas radon” (per info scrivi a: info@tecnicieprofessione.it) .

Riduzione del radon in ambienti interni

Esistono metodi ben collaudati, durevoli ed economici per prevenire il radon nei nuovi edifici e ridurre il radon nelle abitazioni esistenti. La prevenzione del radon dovrebbe essere presa in considerazione quando vengono costruite nuove strutture, in particolare nelle aree soggette a radon. In molti paesi d’Europa, negli Stati Uniti d’America e in Cina, l’inclusione di misure protettive nei nuovi edifici è inclusa nei codici di costruzione. In Italia il Decreto Legislativo n.101/2020 impone il monitoraggio negli edifici, comprese le abitazioni.

Alcuni modi comuni per ridurre i livelli di radon negli edifici esistenti includono:

  • aumentare la ventilazione sotto il pavimento;
  • installazione di un sistema di pozzetto di radon nel seminterrato o sotto un pavimento solido;
  • evitare il passaggio del radon dal seminterrato agli spazi abitativi;
  • sigillare pavimenti e pareti; e
  • migliorare la ventilazione dell’edificio, soprattutto nel contesto del risparmio energetico.

I sistemi passivi di mitigazione possono ridurre i livelli di radon indoor di oltre il 50%.

Radon nell’acqua potabile

In molti paesi, l’acqua potabile è ottenuta da fonti di acque sotterranee come sorgenti, pozzi e pozzi. Queste fonti d’acqua hanno normalmente concentrazioni più elevate di radon rispetto alle acque superficiali provenienti da bacini idrici, fiumi o laghi.

Ad oggi, studi epidemiologici non hanno confermato un’associazione tra il consumo di acqua potabile contenente radon e un aumentato rischio di cancro allo stomaco. Il radon disciolto nell’acqua potabile viene rilasciato nell’aria interna. Normalmente, una dose più elevata di radon viene ricevuta dall’inalazione di radon rispetto all’ingestione.

Le “linee guida dell’OMS per la qualità dell’acqua potabile” [1] (2011) raccomandano che i livelli di screening per il radon nell’acqua potabile siano fissati in base al livello di riferimento nazionale per il radon nell’aria. In circostanze in cui ci si potrebbe aspettare alte concentrazioni di radon nell’acqua potabile, è prudente misurare le concentrazioni di radon. Esistono tecniche semplici ed efficaci per ridurre la concentrazione di radon nelle forniture di acqua potabile mediante aerazione o utilizzando filtri granulari a carbone attivo. Ulteriori indicazioni sono disponibili in “Gestione della radioattività nell’acqua potabile” [2] (2018).

Risposta dell’Organizzazione Mondiale della Sanità

Il radon indoor è un fattore di rischio prevenibile che può essere gestito attraverso politiche e regolamenti nazionali efficaci. Il “Manuale dell’OMS sul radon indoor: una prospettiva di salute pubblica” [3] fornisce opzioni politiche per ridurre i rischi per la salute derivanti dall’esposizione al radon residenziale attraverso:

  • fornire informazioni sui livelli di radon all’interno e sui rischi per la salute associati;
  • attuare un programma nazionale di radon volto a ridurre sia il rischio complessivo della popolazione che il rischio individuale per le persone che vivono con elevate concentrazioni di radon;
  • che stabilisce un livello di riferimento di concentrazione di radon residenziale medio annuo nazionale di 100 Bq/m3, ma se tale livello non può essere raggiunto nelle condizioni specifiche prevalenti per paese, il livello di riferimento non deve superare 300 Bq/m3;
  • sviluppare protocolli di misurazione del radon per contribuire a garantire la qualità e la coerenza nei test sul radon;
  • l’attuazione della prevenzione del radon nei codici di costruzione per ridurre i livelli di radon negli edifici in costruzione e i programmi di radon per garantire che i livelli siano inferiori ai livelli di riferimento nazionali;
  • promuovere l’istruzione per i professionisti dell’edilizia e fornire sostegno finanziario per rimuovere il radon dagli edifici esistenti; e
  • considerando l’inclusione del radon come fattore di rischio nelle strategie nazionali relative al controllo del cancro, al controllo del tabacco, alla qualità dell’aria interna e al risparmio energetico.

Queste raccomandazioni sono coerenti con gli standard internazionali di sicurezza di base [4] (2014), co-sponsorizzati dall’OMS e da altre organizzazioni internazionali. L’OMS promuove l’attuazione di questi standard sul radon, che in ultima analisi supportano l’Agenda 2030 per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) e l’obiettivo 3.4 sulle malattie non trasmissibili. Per aiutare a monitorare le politiche e le normative nazionali sul radon in tutto il mondo, l’OMS ha assemblato un database di radon [5] come parte dell’Osservatorio globale sulla salute dell’OMS.

Note

1 La radioattività è misurata in unità chiamate Becquerels (Bq). Un Becquerel corrisponde alla trasformazione (disintegrazione) di un nucleo atomico al secondo. La concentrazione di radon nell’aria è misurata dal numero di trasformazioni al secondo in un metro cubo d’aria (Bq/m3).

Referenze

[1] Linee guida per la qualità dell’acqua potabile, 4a edizione,Ginevra, OMS (2011)

[2] Gestione della radioattività nell’acqua potabile,Ginevra, OMS (2018)

[3] Manuale dell’OMS sul radon indoor: una prospettiva di salute pubblica,Ginevra, OMS (2009)

[4] Radioprotezione e sicurezza delle sorgenti di radiazioni: standard internazionali di sicurezza di base,Vienna, AIEA (2014).

[5] Osservatorio globale della salute dell’OMS: database sul radon sulle politiche e i regolamenti nazionali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *