RADON: LA MINACCIA INVISIBILE NELLE NOSTRE CASE

È un gas incolore, inodore, radioattivo, cancerogeno

il gas radon negli edifici

Il radon viene rilasciato dal decadimento radioattivo dell’uranio, che si trova nelle rocce e nel suolo. Una volta rilasciato, entra nell’atmosfera e non può essere rilevato dai sensi umani. Il radon è noto per essere tra le cause di morte per il cancro del polmone. Nonostante il fatto che il problema sia noto da molti decenni in paesi come la Svezia, gli Stati Uniti e altri in cui sono già state prese decisioni importanti, in Italia il Decreto Legislativo che impone il monitoraggio negli edifici è recente e fissa la concentrazione massima in 300 Bq/mc.

Come entra negli edifici?

Il radon arrivando dal terreno entra negli edifici, dalle fessure del calcestruzzo, dalle tubazioni dell’impianto elettrico, idrico, linee telefoniche, i tubi della fognatura. Maggiore è l’esposizione al radon, maggiore e veloce è il rischio di ammalarsi. Indicativamente, quando si vive in una zona di radon, il rischio di contrarre il cancro è pari al rischio del fumatore che fuma 20 sigarette al giorno.

Metodi per ridurre il radon nelle case.

Il metodo più semplice per ridurre il radon è aumentare la ventilazione della casa, (a volte questo è sufficiente per risolvere il problema). La ventilazione della casa può essere migliorata mantenendo finestre più aperte o azionando dei ventilatori. Quando i valori sono alti, si procede a sigillare le vie di ingresso ed isolare i materiali edili radioattivi; i valori permanenti e alti, obbligano ad azioni di rimedio specifiche: dalla ventilazione delle fondazioni, alla ideazione e realizzazione di pozzetti antiradon. Nel caso di edifici nuovi, occorre isolare l’edificio dal terreno con apposite fonfazioni o membrane.

Puoi contattare un tecnico specializzato: la legge ha stabilito che possono agire i geometri architetti e ingegneri iscritti all’albo che siano in possesso di un apposito attestato di qualifica conseguito dopo la partecipazione ad un corso universitario dedicato di 60 ore. (Chiedi sempre che il tecnico esibisca il suo attestato, per evitare eventuali truffe). Per contattarne uno clicca qui

Per informazioni su come diventare un esperto in interventi di risanamento gas radon scrivi a: info@tecnicieprofessione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *