GAS RADON COME COMBATTERLO IN CASA

Il radon può entrare in casa attraverso pavimenti, crepe nei muri di cemento e scarichi del seminterrato. In spazi ristretti, come il seminterrato, il radon può accumularsi a tassi relativamente elevati. L’inalazione di radon o dei sottoprodotti del suo decadimento può aumentare il rischio di sviluppare il cancro.

Il radon è un gas incolore, inodore e radioattivo. Viene prodotto durante la decomposizione naturale di un elemento chimico, l’uranio, che si trova nel suolo, nella roccia e nelle acque sotterranee. Di conseguenza, il radon si trova naturalmente nell’ambiente. All’aria aperta, il radon è presente in quantità così piccole che non rappresenta un rischio per la salute. Il radon può facilmente sfuggire dal terreno e penetrare nelle case attraverso pavimenti, crepe nei muri di cemento e scarichi del seminterrato. In una casa, i livelli di radon sono solitamente più alti nel seminterrato, nella cantina o in altre strutture a contatto con il terreno. Negli spazi chiusi, come gli scantinati, il radon può accumularsi a livelli relativamente alti. Ci sono delle evidenze, che il gas radon può raggiungere anche i piani alti di un edificio.

Il radon è radioattivo, il che significa che decade. Mentre decade, rilascia diversi sottoprodotti, alcuni dei quali emettono particelle cancerogene. Queste sono chiamate particelle alfa. Si legano alla polvere e ad altre particelle nell’aria. Ogni volta che respiriamo, l’aria entra nel naso o nella bocca, e poi nella trachea. La trachea collega il naso e la bocca ai nostri polmoni. Se respiriamo particelle alfa, possono danneggiare il tessuto all’interno della trachea e dei polmoni.

Le particelle alfa possono causare il cancro ai polmoni

Dopo il fumo, il radon è la seconda causa principale di cancro ai polmoni. Secondo Health Canada, circa il 10% dei tumori polmonari in tutto il mondo sono legati all’esposizione al radon.

Il rischio di sviluppare il cancro aumenta a seconda dei seguenti fattori:

  • la quantità di radon a cui una persona è esposta;
  • il periodo di tempo in cui una persona è esposta al radon.

Inoltre, la probabilità di contrarre il cancro ai polmoni causato dal radon è molto più alta nelle persone che fumano.

I bambini sono più a rischio?

Non lo sappiamo ancora molto bene. Alcuni esperti dicono che poiché i bambini respirano più velocemente e hanno polmoni più piccoli, possono assorbire dosi più elevate di radon più velocemente degli adulti. Ma secondo l’Agenzia per la protezione ambientale degli Stati Uniti, non ci sono prove che confermino che i bambini esposti al radon siano a maggior rischio.

Tuttavia, gli studi che collegano l’esposizione al radon al cancro del polmone sono stati ampiamente analizzati. Tutti gli esperti concordano sul fatto che tutti devono adottare misure per ridurre l’esposizione al radon in casa.

Come faccio a sapere se la mia casa contiene radon?

L’unico modo per controllare la tua casa per il radon è misurarlo. La maggior parte delle case conterrà un certo livello di radon; il problema è stabilire quel livello. È impossibile prevedere i livelli di radon nelle case. Diversi fattori sono in gioco. La posizione dell’abitazione e la sua relazione con i venti, ad esempio, sono importanti quanto la fonte di radon.

Puoi richiedere dei dosimetri all’Arpa (Agenzia Regionale protezione ambientale), e collocarli secondo le loro indicazioni in casa.

Generalmente si posiziona il dispositivo nella stanza più bassa della casa, quella che occupi spesso. Una volta completato il campione, va restituito al laboratorio che invierà sper posta i risultati.

Se le concentrazioni sono superiori ai 300 Bq/mc così come stabilito dal Decreto Legislativo n.101/2020 dovrai rivolgerti ad un tecnico qualificato in interventi di risanamento del gas radon; è bene sapere che non tutti i tecnici (ingegneri, architetti e geometri), sono autorizzati, infatti è necessario che siano in possesso di un attestato di qualifica conseguito dopo aver frequentato un corso di 60 ore.

Lo puoi trovare cliccando qui (sono suddivisi per regione)

Per le informazioni sul corso nazionale scrivete a: info@tecnicieprofessione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.