COSA FARE PER MISURARE IL GAS RADON IN CASA

I dosimetri di radon possono essere posizionati in casa per aiutarti a identificare le aree problematiche e darti l’opportunità di assicurarti che tali livelli rimangano entro limiti di sicurezza. Il gas radon rappresenta la seconda causa di morte per il cancro del polmone dopo il fumo da sigaretta.

I dosimetri per rilevare il gas radon vanno posizionati in specifici ambienti

Il gas radon si trova naturalmente in tutto l’ambiente. Può anche essere trovato negli edifici in quantità molto piccole. È quando la quantità di gas che inizia ad accumularsi che iniziano a verificarsi problemi per la salute, infatti il gas radon inodore e incolore e quindi non percepibile è la seconda causa di morte dopo il fumo per il cancro del polmone. I dosimetri di radon possono essere posizionati in tutta la casa, preferibilmente nel soggiorno, studio e camere da letto per aiutarti a capire le concentrazioni esistenti e darti l’opportunità di assicurarti che tali livelli rientrino nei limiti di sicurezza, previsti in 300 Bq/mc.

I servizi di dosimetria dovranno essere certificati, pertanto è necessario rivolgersi ad Enti e/o Agenzie (Enea, l’Arpa di Protezione Ambientale della tua zona e laboratori riconosciuti). Solitamente offrono un servizio online come l’Arpa FVG

Dove è preferibile verificare?

Poiché il radon proviene dal terreno, si consiglia di eseguire un test nella zona più bassa abitata, poiché è qui che di solito si trova la più alta concentrazione di gas radon. Se hai un seminterrato con un’area abitata, questa sarebbe l’area più bassa da testare. Per le case con il vespaio, la zona giorno sopra lo spazio di scansione dovrebbe essere testata. Se sono presenti sia il seminterrato che il vespaio, si consiglia di eseguire il test sia in una stanza del seminterrato che in una stanza sopra. Oltre a questa area vissuta più bassa, considera di testare altre stanze della casa come camere da letto, aree soggiorno o un ufficio a casa, poiché i livelli di radon possono variare in diverse aree della casa.

Quali aree abitative dovrebbero essere testate?

Si raccomanda che tutte le aree abitative a contatto con il suolo siano testate il più frequentemente possibile. Si consiglia di posizionare i rilevatori nel seminterrato, soprattutto se si dispone di una camera familiare o di un’altra zona giorno in cui la famiglia trascorre spesso il proprio tempo. Dovresti testare sopra ogni tipo di fondazione nella tua casa (ad es. seminterrati, scantinati, piano terra ).

Anche le camere da letto, gli uffici domestici e altre aree di vita familiare di particolare preoccupazione dovrebbero essere testati. Poiché trascorri lunghi periodi di tempo in queste stanze, è più probabile che tu inali il radon. Inoltre, queste stanze hanno spesso porte chiuse e finestre con chiusura ermetica che possono far sì che i livelli di radon siano più alti.

Il gas radon è inodore e non c’è modo di vedere o annusare il gas e un dosimetro è il modo migliore per dire se il gas radon è presente.


E il costo della mitigazione del radon?

Le stime sui costi possono essere ottenute contattando tecnici o aziende di mitigazione del radon certificati. Il costo dipenderà dalle dimensioni e dal design della tua casa e dai metodi di riduzione del radon necessari. 


Cose da considerare quando si sceglie un professionista di mitigazione del radon

Ti consigliamo di considerare quanto segue:

  • Utilizzare un professionista certificato o qualificato per la mitigazione del radon, richiedendo il titolo autorizzativo, controllando che la formazione di 60 ore sia stata acquisita attraverso un corso universitario dedicato. Puoi trovare un elenco di professionisti qualificati cliccando qui.
  • Scegli un appaltatore per risolvere un problema di radon proprio come sceglieresti qualcuno per fare altre riparazioni domestiche: ottieni preventivi e chiedi/controlla le referenze. Considera la conoscenza, l’esperienza, i prezzi e le tecniche di mitigazione che intendono utilizzare.
  • Chiedi la garanzia (con un contratto scritto) che il radon nella tua casa sarà ridotto rispetto alle concentrazioni elevate riscontrate se superiori ai 300 Bq/m3.

PER ISCRIVERTI AL PROSSIMO CORSO SCRIVI A: info@tecnicieprofessione.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *